Obliqua - sguardi laterali sull'innovazione, la rassegna di eventi di BIS

locandina dell'iniziativa
 

OBLIQUA - sguardi laterali sull’innovazione  è una rassegna di eventi gratuiti aperti a tutta la cittadinanza, da luglio a ottobre 2024, che vuole proporre un punto di vista inedito su alcune delle tematiche più rilevanti per la trasformazione dell’economia e del lavoro, come l’impatto dell’intelligenza artificiale, la complessità della transizione ecologica e il protagonismo delle nuove generazioni. 

 

OBLIQUA è un progetto di BIS - Bologna Innovation Square, Città metropolitana di Bologna e Comune di Bologna, realizzata con il supporto organizzativo di baumhaus. La rassegna si svolgerà principalmente tra gli spazi interni ed esterni di BIS - Bologna Innovation Square, in Piazza Liber Paradisus, ma attraverserà anche altri luoghi della Bolognina. OBLIQUA fa parte di Bologna Estate 2024, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna - Territorio Turistico Bologna-Modena.

 

 

I PROSSIMI EVENTI

> Quello che i dati non dicono. Femminismo dei dati e le sfide del presente

Martedì 23 luglio 

ore 18,00 - 20,00

@BIS, Piazza Liber Paradisus 14, Bologna

 

Immaginari, pratiche di consumo e culturali, uso dello spazio pubblico, istruzione e posizioni lavorative: tutto ciò che ci circonda e che facciamo è fonte di dati.

Ma troppo spesso questi dati non raccontano pienamente  - se non addirittura nascondono - le capacità, le esperienze o i bisogni specifici delle donne o minoranze di genere. L'incontro sarà occasione per condividere riflessioni sulle potenzialità e sulle ambiguità dell’uso dei dati di genere. A partire da un approccio femminista e intersezionale ai dati saranno affrontate alcune tematiche della nostra contemporaneità, per comprendere quale può essere il ruolo della ricerca e dell’attivismo nel costruire policy realmente trasformative per tuttɜ. 

 

Ne parliamo con: 

  • Teresa Carlone. PhD in Sociologia, ricercatrice all'Università di Bologna. La sua attività di ricerca si concentra sui processi partecipativi, sulle metodologie di co-creazione nella progettazione e realizzazione di politiche pubbliche, alla prospettiva di genere e femminista negli studi sociologici della partecipazione dellə cittadinə. Dal 2021 collabora come ricercatrice con Period Think Tank con un focus specifico su femminismo dei dati e spazio urbano.
  • Elvira Oliva. Regulatory affairs manager per una multinazionale per cui si occupa di gestire le attività con le associazioni di settore locali e dell’UE. Precedentemente ha lavorato nel settore della consulenza per attività di public affairs e advocacy e ha svolto esperienze lavorative presso il Parlamento Europeo e la Rappresentanza Permanente Italiana presso l'UE. Attualmente è PhD candidate in Diritto Europeo presso il Dipartimento di Studi Giuridici con un progetto sull’approccio regolatorio dell’UE sull’IA, tra tutela dei diritti fondamentali e gestione del rischio.
  • Giuditta Bellosi. Laureata in Matematica all'università di Padova, si occupa di analisi avanzata dei dati lavorando come data analyst in un'azienda leader del settore. Dal 2021 fa parte della Commissione Pari opportunità del Comune di Imola ed è attivista dell'associazione Period Think Tank nella quale si occupa di progetti legati alla discriminazione algoritmica e alla promozione del femminismo dei dati.

Evento in collaborazione con PERIOD think tank  

Ingresso libero.

 

 

> Gastronomia urbana: cibo, città e nuovi rituali

Mercoledì 24 luglio 

ore 18,00 - 20,00

@ BIS, Piazza Liber Paradisus 14, Bologna

 

Cambia la città mentre cambia quello che mangiamo e come lo mangiamo: l’offerta gastronomica contribuisce sempre di più ai cambiamenti del paesaggio urbano, diventa veicolo di attrazione turistica, motivo di aggregazione sociale o filiera lavorativa tra eccellenze e zone d’ombra. Il cibo - e le narrazioni che ne scaturiscono - hanno quindi implicazioni profonde e contraddittorie su economia e lavoro così come incidono sui rituali urbani e i modi in cui si vive nelle città. L’incontro sarà quindi un’occasione per raccontare le trasformazioni della città dal punto di vista di chi lavora nella filiera agroalimentare, di chi la studia o lo racconta

 

Ne parliamo con: 

  • Daniela Pirani , Docente di Marketing presso l’Università di Liverpool
  • Carolina Mudan Marelli , Ricercatrice Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia presso l’Università di Bologna
  • Paola Ippolito: Contadina e attivista di Campi Aperti , associazione avente come obiettivo la sovranità alimentare, il consumo critico e sostenibile, l'autodeterminazione personale e sociale attraverso attività culturali e mercati contadini.
  • Sofia Nardacchione, Giornalista e responsabile del settore informazione di Libera Bologna e Libera Emilia-Romagna.

Ingresso libero.

 

 

GLI EVENTI PASSATI
9 luglio > Tra tech, vintage e comunità: nuovi scenari di sostenibilità nella filiera della moda
Qui
maggiori dettagli